<
AIS Romagna    Cerca    Mappa    Mailing    Preferiti  |  Carrello  |  Accesso e-commerce  



Iscriviti alla Newsletter

Formula di Acquisizione del CONSENSO dell'interessato
AL TRATTAMENTO DATI PERSONALI
(Art. 13-14 Regolamento Europeo Privacy 679/2016)

Compilando ed inviando questo modulo, acquisita l'informativa circa il trattamento dei dati personali sopra esposti (in conformità con l’art. 13-14 Regolamento Europeo Privacy 679/2016), si presta il consenso a trattare i dati personali per gli scopi indicati nella suddetta informativa. In qualsiasi momento potrete richiederci la cancellazione dei vostri dati, scrivendo all'indirizzo e-mail segreteria@aisromagna.it o via fax al numero 0547 092563.

       
E-mail
Iscrivetevi alla nostra Mailing List e sarete continuamente aggiornati su tutte le nostre novità.

Dopo l’Australia vagandodegusto è sbarcato in Sudafrica in una splendida serata che ci ha portato a conoscere un territorio ai più sconosciuti. Regione dal clima mediterraneo che ha effettuato il primo raccolto documentato nel 1659!! Sotto la sapente e paziente guida di Giovanni Solaroli, profondo conoscitore della regione, abbiamo fatto un tour virtuale del Sudafrica passando attraverso i vini storici prodotti in questo territorio. La degustazione è cominciata con un sauvignon blanc (2017 WESTERN CAPE) dell’azienda Tokara. Nonostante la gioventù il vino presentava piacevoli note varietali, con sentori di salvia e pompelmo. Grande finezza e pulizia. Bella freschezza con un finale non amaro e abbastanza lungo. Abbiamo proseguito con uno chenin blanc (Swartland reserve 2015) azienda Delaire Graff Estate. Un vino maturo con evidenti note di passaggio in legno. Palato pieno, grasso, rotondo con un finale leggermente acido.  Finiti i bianchi siamo passati all’uva tipica della regione; il pinotage (stellenbosch 2015)dell’azienda Kanonkop estate wine. Bei profumi di frutti neri, pepe, note terrose. Palato equilibrato con un bellissimo tannino morbido ed integrato. Come secondo rosso abbiamo proposto un vino che col nome ricorda il nostro territorio il Rubicon Red (Stellenbosch 2014) dell’azienda Meerlust Estate. Vino simbolo del Sudafrica creato dall’enologo italiano Giorgio dalla Cia con un taglio bordolese. Naso lieve e delicato con frutti dolci. Palato morbido con una bella acidità

Prima di passare al pezzo forte della serata abbiamo degustato un metodo classico brut Pierre Jourdan (Franschhoek Wine Valley Coastal Region) di Haute Cabriere. Aromi floreali fini e delicati con un lieve sentore di lievito e mela. Fresco non aggressivo, fine ed elegante.

Come ultima chicca un Vin de Costance (2014 Natural sweet wine) di Klein Constantia. Il vino preferito da Napoleone. Bellissimo colore ambra luminoso. Aromi di albicocca, scorza di pompelmo, fiori d’arancio, zafferano, zensero, rosa e caramello. In bocca molto morbido con una lunga acidità che lascia il posto ad una dolcezza infinita.

Un grande ringraziamento a tutta la delegazione di Cesena per la perfetta organizzazione.

Prossimo appuntamento? Restate connessi…