<
Home    Cerca    Mappa    Mailing    Preferiti  |  Carrello  |  Accesso e-commerce  



Iscriviti alla Newsletter

Formula di Acquisizione del CONSENSO dell'interessato
AL TRATTAMENTO DATI PERSONALI
(Art. 13-14 Regolamento Europeo Privacy 679/2016)

Compilando ed inviando questo modulo, acquisita l'informativa circa il trattamento dei dati personali sopra esposti (in conformità con l’art. 13-14 Regolamento Europeo Privacy 679/2016), si presta il consenso a trattare i dati personali per gli scopi indicati nella suddetta informativa. In qualsiasi momento potrete richiederci la cancellazione dei vostri dati, scrivendo all'indirizzo e-mail segreteria@aisromagna.it o via fax al numero 0547 092563.

       
E-mail
Iscrivetevi alla nostra Mailing List e sarete continuamente aggiornati su tutte le nostre novità.

Pesca nettarina (pesca noce) di Romagna.
Le prime notizie certe relative alla pesca e alla nettarina risalgono agli inizi del XIV secolo. Tuttavia la vera e propria coltura tipica in Romagna si diffonde soltanto nei secoli successivi, anche se molto tempo prima, rispetto al resto d’Italia.
La pesca e nettarina di Romagna sono prodotti frutticoli freschi, ottenuti da diverse varietà a polpa gialla e polpa bianca. Le varietà a polpa gialla della pesca sono: dixired, elegant lady, fayette, flavorcrest, glohaven, maycrest, merril gem free 1, redhaven, spring lady, springbelle, springcrest, suncrest, mentre quelle a polpa bianca sono duchessa d’este, iris rosso, maria bianca, rossa di san carlo. Le varietà a polpa gialla della nettarina sono: early sungrand, fantasia, flavortop, independence, maria aurelia, maria emilia, maria laura, may grand, nectaross, spring red, stark redgold, venus, weimberger; mentre quelle bianche sono riconducibili alla caldesi 2000. Con il 30% dell’offerta nazionale (oltre 450.000 tonnellate), l’Emilia-Romagna è leader nella produzione di pesche e nettarine: prime ad ottenere l’ambito riconoscimento Igp, in Europa.
Una certificazione di garanzia, che attesta l’origine e la tracciabilità del prodotto, ossia l’intero percorso del frutto durante tutto il ciclo produttivo e le fasi della lavorazione.
Una carta d’identità del frutto, da cui si può risalire al produttore e immediatamente riconoscibile nel punto di vendita grazie al bollino apposto su ogni singolo frutto. Per superare i “test” d’ammissione, pesche e nettarine che vogliono fregiarsi del marchio devono, infatti, essere prodotte secondo precisi standard. Un severo disciplinare di produzione che prevede esclusivamente l’impiego di metodi di lotta integrata, a basso impatto ambientale, una densità limitata di piantine per ettaro e sistemi di conservazione che escludono l’utilizzo di sostanze chimiche.
Oggi pesche e nettarine con il marchio di qualità rappresentano circa il 10% dell’intera produzione regionale, ma l’obiettivo per i prossimi anni è di raggiungere almeno il 30% del totale.